BLOG

consigli, progetti, Intrecci di pensieri

 e racconti sulle mie avventure.

Come creare uno studio in casa: ecco 8 consigli su come realizzare un angolo ufficio in casa

Aggiornamento: 6 nov 2021


Sempre più persone lavorano da casa. Ecco 8 posti insoliti dove organizzare una piccola postazione di lavoro.

Quante sono le persone che lavorano da casa? Se già in precedenza il numero era in aumento, complice il diffondersi di Internet e la consapevolezza – molto cresciuta tra i datori di lavoro- che timbrare il cartellino non è più sinonimo di produttività. Oggi, il numero è salito e destinato a restare alto.

Ma nel caso in cui non si abbia a disposizione un’intera stanza, diventa indispensabile arredare un piccolo ufficio in casa da dedicare in maniera esclusiva alle nostre attività lavorative, permettendoci di tenere sott’occhio e in ordine tutti quegli strumenti che ci risultano indispensabili – dispositivi informatici, libri, appunti, cancelleria. Ma anche di dare un tocco di stile ad un luogo, seppur ristretto, nel quale passiamo molte ore della nostra giornata.


Tra due armadi


Predisporre una scrivania ad angolo tra due armadi con quattro mensole che corrono parallele al piano di lavoro, garantendo molto spazio per riporre libri e faldoni, e magari anche per ospitare qualche soprammobile decorativo.


In corridoio

A volte, per lavorare con serenità può bastare un piccolo secrétaire: i suoi cassetti e cassettini sono ottimali per riporre carte, biglietti da visita o corrispondenza. In questo scatto convince lo stacco cromatico della sedia gialla, che svecchia lo scrittoio e dona energia all’ambiente (e sappiamo quanto l’energia sia preziosa per lavorare!).


Nel bow window


Una mensola di legno, fissata sotto una finestra a bovindo, può bastare per creare un angolo di tranquillità da dedicare al lavoro. Il suo punto di forza? Sicuramente la possibilità di gettare lo sguardo sull’esterno, soprattutto se siamo circondati da un bel giardino.


Tra due muri



Per sentirsi un po' protetti e poco visibili dal resto della casa, tra due muri sarebbe il posto perfetto per far sembrare anche di essere in un posto completamente diverso.


In un angolo del salotto



Una soluzione minimale, integrata con l’intera architettura domestica. L’essere a vista non lo rende forse lo spazio ideale, attrezzato e congestionato dai nostri strumenti di lavoro. Allo stesso tempo, però, garantisce un tocco fortemente impattante e in continuità stilistica con i volumi e gli arredi.



Sul soppalco

È un mondo sospeso, quello del soppalco, e come tale ci può essere molto utile per lavorare, consentendoci di isolarci dagli altri e ritrovare la nostra concentrazione.


Come in un ripostiglio


Una stanza stretta e lunga può essere un piccolo enigma per i proprietari di casa. Troppo piccola per una cameretta? Decisamente sì. Destinarla a ripostiglio o lavanderia? Tutto sommato potrebbe essere sprecata. Meglio allora optare per uno spazio consacrato al lavoro. Avrà il vantaggio di mettere “alla porta” tutte le possibili ingerenze degli altri membri della famiglia.


In soffitta


La luce zenitale, diffusa dai lucernari installati sul tetto di questa soffitta, può rappresentare una condizione ideale per illuminare la nostra scrivania. Ma se d’estate la luce fosse troppo intensa? Nessun problema, tendine parasole integrate, capaci di schermare anche completamente i raggi solari, sono disponibili presso tutti i principali rivenditori di finestre a vasistas e a bilico.


Giulia Nari

83 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti