BLOG

consigli, progetti, Intrecci di pensieri

 e racconti sulle mie avventure.

Come scegliere il lavabo perfetto per la tua casa

Scegliere il giusto lavandino può essere difficile, soprattutto se ci si trova davanti a molteplici opzioni come quelle attualmente in commercio. Esiste una tipologia di prodotto per ogni esigenza, ma come capire quella più adatta al nostro bagno? Ecco una breve guida che vi aiuterà nella scelta.

Per prima cosa è necessario valutare la collocazione: per una famiglia con bambini, per esempio, si punta alla funzionalità ed è quindi consigliato un lavabo più grande, per una camera degli ospiti invece si potrebbe puntare sull’estetica e quindi su un lavabo a ciotola.

Dopo aver definito il primo punto, si passa poi alla valutazione dello spazio a disposizione; in base a quello si deciderà la tipologia e l’eventuale grandezza. Meglio scegliere un lavabo con mobile e non uno a colonna se, per esempio, lavoreremo in un bagno piccolo.

Vediamo ora le tipologie che possiamo trovare sul mercato:


  • Lavabo da appoggio

Oltre ad essere una scelta moderna e di design, è la soluzione più richiesta perché facile da installare. Infatti necessita solo di un piano d'appoggio come una mensola o un mobile bagno sul quale essere posizionato. Può essere di diverse forme e materiali ed è la scelta ideale per chi predilige uno stile minimal ed elegante.







  • Lavabo sospeso

È un lavabo fissato direttamente alla parete, motivo per il quale può essere posizionato ad altezze diverse. Questa tipologia di lavandino lascia libero lo spazio sottostante e mette in evidenza il sifone che diventa vero e proprio elemento decorativo da risaltare.






  • Lavabo a colonna

La soluzione di certo più classica, composta da un lavabo sostenuto da una colonna dentro alla quale si nascondono i tubi di scarico. È la scelta perfetta per gli amanti di uno stile retrò e vintage, ma anche una delle più economiche sul mercato.











  • Lavabo free standing

È la versione più moderna del lavabo a colonna. In questo caso il lavandino diventa vero e proprio protagonista dell'ambiente, trattandosi infatti di un sistema monoblocco non vincolato da un mobile bagno.










  • Lavabo da incasso

Un lavandino incassato in un mobile bagno è detto "da incasso". La vasca può essere collocata sopra o sotto il piano d'appoggio oppure semi-incassata nel piano stesso. La giuntura tra mobile e lavabo è spesso sigillata con del silicone e necessita quindi di attenzioni per evitare che si accumulino facilmente sporco e umidità.









  • Lavabo integrato

Forse la soluzione più diffusa, quella in cui il lavabo diventa anche top del mobile bagno, conferendo un senso di continuità visiva. È la scelta perfetta per chi predilige praticità e pulizia, oltre ad essere ottima in quanto personalizzabile in base alle dimensioni del proprio bagno.


Ilaria Borza


19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti